La visita alle parrocchie di Siena del 1598

15.00


retro copertina

di Francesco Maria Tarugi
a cura di Mino Marchetti e Pina Sangiovanni

Il 15 settembre 1597 viene nominato arcivescovo di Siena il poliziano Francesco Maria Taurigi. Scelta che ribalta le regole del gioco, frutto di un compromesso tra Siena e Firenze, il 18 dicembre la città accoglie nelle proprie mura uno dei maggiori protagonisti del percorso di riforma avviato dalla chiesa cattolica dopo il concilio tridentino.

Sfoglia la lista dei desideri

Descrizione

Il Tarugi è chiamato a smuovere le acque stagnanti della diocesi senese. Il suo arrivo si presenta come un evento che irrompe a stravolgere l’ordine della città. Francesco Maria inizia subito il suo lavoro pastorale con energica determinazione: vuole conoscere, correggere, trasformare.

Il 25 gennaio 1958, dopo solo un mese dal suo insediamento nella città, inizia la sua visita pastorale alle parrocchie cittadine. Dalla sua residenza, che è la prima ad essere esaminata, alla chiesa di Santa Barbara dentro la fortezza medicea, che è l’ultima, il percorso dell’arcivescovo disegna emblematicamente la collocazione della città tra il potere papale, di cui il vescovo è vicario, e il potere del Principe, equidistanti e in equilibrio tra loro.

Egli definisce così con estrema chiarezza quali sono gli ambiti che gli competono: la riforma del clero cittadino e la moralizzazione dei fedeli. Il suo programma non lascia spazio alle zone d’ombra: esaminata la chiesa metropolitana, la visita si allarga a macchia d’olio per coprire tutte le chiese cittadine e quelle della diocesi. Un monitoraggio vivo, che le pagine scritte ci restituiscono nella completezza dell’attenzione con cui fu compiuto.

Dettagli

ISBN

8875760365

Autore

Tarugi Francesco Maria