Memorie delle monache di sant’Abbondio

18.00


801(?) – 1719


trascritte e commentate da Mario Filippone
prefazione di Vinicio Serino

Nuovo e singolare questo ampio memoriale in cui Suor Giuditta Luti, e poi altre sue consorelle, raccontano con semplicità e candore una storia lunga ottocento anni.

Descrizione

Sono pagine che permettono al lettore moderno di penetrare in un mondo che, quasi sempre, gli è del tutto sconosciuto, e di guardare con gli occhi di quelle monache agli eventi che hanno coinvolto il loro monastero.

Luogo di alta spiritualità in periodo medievale, Sant’Abbondio fu frequentato dal Beato Colombini e da Santa Caterina, e fu meta poi di visitatori illustri come Pio II e Violante di Baviera. Posto in posizione strategica, subì, durante il grande assedio del 1555, danni considerevoli. Restaurato ed abbellito, visse le trasformazioni strutturali e normative volute dal Concilio tridentino, per poi soccombere nel 1710, alle imposizione del governo napoleonico.

Dettagli

Autore

Filippone Mario