Mafia cinese, esiste davvero?

Mafia cinese, esiste davvero?

Usciva nel gennaio 2018 nella collana di narrativa STRADE BIANCHE il romanzo di Massimiliano Scudeletti Little China Girl, ambientato tra la periferia di Firenze e Prato. Un giallo dove si mescolano nuovi schiavi cinesi, italiani diventati razzisti e una mafia potente quanto quella siciliana: la Triade.

Un racconto di fiction? forse no, o forse la narrazione a volte anticipa la cronaca.
E’ notizia di pochi giorni  la dichiarazione del procuratore nazionale Federico Cafiero de Raho, in audizione davanti alla commissione Schengen, che afferma la chiara esistenza di una mafia cinese sul territorio toscano: “… abbiamo indicazioni chiarissime in Toscana, con il metodo del modello mafioso e il capo cosca adorato come un dio”  (cronaca  – La nazione).
Si tratta di un sistema complesso che passa dalla gestione dei locali commerciali a forme di protezione, con una struttura e una complessità che è molto simile a quella che si delinea nelle pagine di “Little China Girl”, dove indagini, delitti e colpi di scena, danno un ritmo serrato alla narrazione.

Per gli appassionati del genere, ma anche per chi vuole provare a capire questo fenomeno, addentrandosi in una Toscana meno conosciuta e sicuramente non stereotipata, il romanzo di Scudeletti è la scelta giusta per le letture natalizie.

Vai alla scheda

 

 

 

 

Diario di un festival

5 Dicembre 2019

Buone Feste

5 Dicembre 2019