A.D. 1555 La Fortezza delle donne

14.00


retro copertina

di Francesco Antonelli

Un racconto di formazione, avventure e amore. È questa la storia di Marsilio Marsili che partito da Talamone, nella Maremma toscana,sarà testimone degli ultimi giorni della Repubblica di Siena, nell’Anno Domini 1555.

Descrizione

È il 1544 e la vita di Marsilio, un ragazzo di sedici anni che segue le orme del nonno per diventare pescatore, è sconvolta dai pirati saraceni che assaltano Talamone e annientano tutta la sua famiglia. Ingiustamente accusato di sciacallaggio, è portato in catene a Orbetello. Nascosto in un carro di zingari, riesce a fuggire a San Galgano dove conduce un’esistenza selvaggia, assistendo alla rovina dell’abbazia.

Brandano, misterioso monaco guerriero depositario della spiritualità della spada nella roccia, lo prende sotto la sua protezione e lo spinge verso un lungo percorso di privazione e rigenerazione. Raggiunta Siena, Marsilio si arruola nell’esercito repubblicano e le vicende personali si sovrappongono a quelle della guerra contro gli imperiali alleati di Firenze. Conosce Laudomia Forteguerri, eroina a capo di un gruppo di donne combattenti, da cui ha una figlia.
Siamo nel 1555 e la strenua resistenza dei senesi ha generato dolore, inedia, malattie, violenze, sofferenze che le donne dimostrano di sopportare come e meglio degli uomini. Ma la guerra “cambia le persone” e Laudomia sente che qualcosa è definitivamente mutato in lei.  Dopo la resa, Biagio de Monluc, il generale guascone che ha guidato la città, s’incammina verso Montalcino a capo di una fila di disperati che non vogliono piegarsi alla disfatta. Le strade dei due amanti si separano definitivamente. La donna intende proseguire la guerra partecipando alla fondazione della “Repubblica ritirata di Siena in Montalcino”, mentre Marsilio, stanco di combattimenti e di morte, esce per l’ultima volta da Siena per ritornare verso il mare.

Dettagli

ISBN

978 88 7576 353 4

Autore

Antonelli Francesco